disinfestazione tarme dei tessuti e vestiti

Hai deciso di tirare fuori dall’armadio dei vestiti vecchi per vedere cosa puoi tenere e cosa invece buttare via. Ti accorgi però che tutti i tuoi maglioni e tessuti presentano dei buchi. Da cosa dipendono e come si sono formati?

Molto probabilmente si tratta di tarme dei vestiti.
Questi insetti causano danni a quasi ogni tessuto, colpiscono generalmente i tessuti in cotone, ma anche le pellicce e i tappeti. Gli indumenti lasciati per molto tempo dentro l’armadio e mai tirati fuori possono essere rovinati dagli insetti.

Le tarme non sono pericolose, nel senso che non portano ad infezioni, allergie o malattie come altri tipi di infestanti, tuttavia rappresentano un problema proprio perché danneggiano irrimediabilmente i vestiti.

A volte possiamo decidere di riutilizzare vecchi vestiti da riciclare, per realizzare nuovi arredi o tessuti, per esempio per il divano o la poltrona, per delle decorazioni. Ma se i vestiti sono irrimediabilmente rovinati non possiamo fare nulla per riciclare, siamo quindi costretti a buttarli. Il problema è che gli insetti potrebbero intaccare anche gli indumenti nuovi e oggetti della casa come i tappeti.

Cosa fare dunque in questi casi? Il metodo migliore, soprattutto se ad essere infestati sono i locali di un’azienda tessile (che dispone quindi di ingenti quantità di tessuti da lavorare), è un intervento di disinfestazione delle tarme dei vestiti.

Vediamo meglio le caratteristiche di questi insetti.

Tarme dei Vestiti di Cotone e delle Pellicce: Caratteristiche

tarme dei vestiti di cotone
le adulte appaiono come farfalle, non mangiano ma possono depositare uova

La tarma dei vestiti, il cui nome scientifico è Tineola Bisselliella, si presenta come una farfalla dalle sfumature dorate e argentate.

Appartiene alla grande famiglia dei Lepidotteri, e attacca principalmente i tessuti come il cotone, la lana, distruggendo qualsiasi tipo di vestito.

Il suo habitat ideale sono luoghi bui, umidi, come ad esempio un vecchio armadio nello sgabuzzino o nel garage, abbandonato da anni, oppure una soffitta o mansarda mai utilizzate, dove sono state gettate coperte e indumenti vecchi.

Ciclo vitale delle tarme

La femmina adulta finisce il suo ciclo vitale deponendo qualche centinaio di uova per poi morire.

Le uova sono depositate dentro un armadio o una dispensa a seconda del tipo di tarma.

Dal momento in cui si schiudono le uova, la larva emerge dopo 10 giorni e comincia a nutrirsi e a causare problemi danneggiando cibo e vestiti.

Il periodo di nutrimento può durare dai 90 giorni ai 2 anni. Le tarme adulte non si nutrono.

La larva poi evolve in un bozzolo, si schiuderà entro 10 giorni.

Una volta maturata diviene una falena e comincia la sua ultima fase, l’accoppiamento, vive fino a 30 giorni.

 La femmina depone le uova dopo l’accoppiamento e così il cerchio della vita va avanti. 

larva della Tarma dei vestiti sopra del tessuto marrone e rosso
Le tarme allo stadio di larve, quei piccoli vermini che si muovono su cibo o vestiti

Il periodo delle tarme dei tessuti

L’arrivo di questo insetto è dovuto all’alzarsi delle temperature, già in Primavera, tuttavia l’ambiente riscaldato di una casa risulta tanto ideale che questo infestante similmente alla cimice dei letti rischia di infestare una casa tutto l’anno

Tarme dei Vestiti: Tipi e Specie

Per quanto riguarda le tarme dei vestiti, esistono due specie principali:

  • Tarme dei Crini (o Tignole): si tratta della specie più diffusa, il cui nome scientifico è Tineola Bisselliella. La tignola dei crini attacca principalmente i vestiti e tessuti.
  • Tarme delle Pellicce; nome scientifico Tinea Pellionella, prende il nome dal fatto che intacca principalmente le pellicce, indumenti molto spesso riposti per tanto tempo nell’armadio.

Farfalle o Falene?

Le tarme che attaccano vestiti o cibo sono delle falene, esistono molti tipi di falene, alcuni di questi potrebbero essere facilmente confuse per delle piccole farfalle, fortunatamente, le falene che infestano armadi e dispense in Italia sono tutte grigie e marroni e si muovono di notte.

Cosa mangiano le tarme?

La falena che vedi volare per casa, vicino a cibo e vestiti e che rimane attaccata alle trappole appiccicose, non mangia.

La tarma adulta non si nutre ma si accoppia, se femmina deposita le uova e muore.

Solo la larva delle tarme si nutre, di cheratina, una proteina comune che questo insetto ricava da cibo e vestiti.

Tarme o tarli?

Tarli e tarme sono insetti distinti, si veda le immagini sulla pagina, la nostra impresa può disinfestare entrambi e molto di più.

Le tarme si nutrono di cibo e vestiti, i tarli mangiano il legno.

C’è una netta differenza di dimensioni, la larva della tarma è grande mezzo pollice, 12,7 mm. Quindi può essere visibile a occhio nudo, mentre il tarlo adulto varia dai 2.7 ai 4.5 mm di lunghezza.

La tarma adulta è una falena, il tarlo invece uno scarafaggio come l’anobio del pane, non c’è una farfalla del tarlo o una falena.

Condividono però un tratto, si nutrono soltanto allo stadio larva, per cui le falene che diventano hanno già compiuto danni.

Foto di un tarlo allo stadio di larva che sporge da un buco nel legno
Una larva di tarlo, non tarma, solo le larve si nutrono

Come distinguere la tarma dei tessuti da quelle del cibo

Essenzialmente bisogna vedere dove si trova l’insetto, se in cucina abbiamo probabilmente a che fare con la tarma del cibo, poi ci sono altri fattori, le tarme del cibo preferiscono luoghi bui ed areati. Le tarme dei tessuti non sono attirate dalla luce e grazie ad una apertura alare inferiore, infatti sono lunghe circa la metà rispetto a quelle del cibo, volano poco e raramente, rispetto a quelle del cibo che volano spesso per casa, per questo può risultare più facile eliminare le tarme del cibo, in quanto quelle dei tessuti siano più difficili da individuare puntando a vestiti esposti ma poco usati quindi al buio.

Disinfestazione Tarme dei Tessuti e Vestiti: Come Eliminarle

tarme vestiti come eliminarle
esistono molte falene e sono molto simili, per questo osservarne delle fotografie può essere utile a distinguerle

Si può ricorrere a dei prodotti chimici per eliminare le tarme dei vestiti, tuttavia nel caso di un’azienda tessile, che quindi dispone di grossi quantitativi di tessuti, la soluzione più rapida, che fa perdere sicuramente meno tempo, è quella di rivolgersi a dei professionisti del settore.

Una ditta di disinfestazione risolve in poco tempo il problema. Per evitare che in futuro si possano verificare di nuovo situazioni di infestazione simili, da parte delle tarme dei vestiti oppure di altri infestanti, occorre procedere regolarmente con una sanificazione a vapore dei locali.

Sarà il professionista a stabilire quante volte e in quale periodo dell’anno occorre procedere con questa attività preventiva.

Ecco una parola fondamentale: prevenzione. Qualche consiglio per ridurre la probabilità di un’infestazione da tarme dei tessuti. Considerate che poiché si nutrono di tessuti e odiano la luce, spazzolare i vestiti ed esporli alla luce ad ogni cambio stagione farà molto per risolvere il problema o almeno renderlo meno grave.

Come disinfestiamo le tarme

Il nostro team, dopo aver compiuto il sopralluogo essenziale per quantificare la dimensione dell’infestazione, può scegliere di procedere con un trattamento liquido chimico nel caso siano allo stadio larvale.

Per cui si sparge una soluzione liquida nelle aree buie affette da questo infestante.

 

Per le falene si impiega la fumigazione, che avviene con un prodotto a base di ghiaccio secco che andando in sublimazione non lascia tracce. Non sporca la zona affetta, non viene rilasciato neanche vapore acqueo. Il decadimento delle sostanze usate avviene in circa 6 ore.

Tarme dei Tessuti: Prevenzione di una Infestazione

Il consiglio è quello di igienizzare e tenere sempre in ordine i locali, che siano ambienti abitativi o luoghi di lavoro dell’azienda.
Se sono stati trovati alcuni esemplari è importante procedere con la pulizia di tutti gli indumenti, oltre agli armadi, per eliminare in questo modo anche le uova degli insetti e impedire l’aumento del numero di insetti.

Ci sono vari metodi per allontanare o catturare le tarme, trappole ai feromoni, oli essenziali, lavanda, alloro, chiodi di garofano, odori che risultano molesti a questi insetti.

Ma nel caso di una infestazione ormai a livello avanzato, non è più sufficiente pulire tutta la casa e lavare i vestiti, occorre un intervento professionale di disinfestazione.

La regola principale rimane sempre quella di agire tempestivamente.